Benvenuti nella Fattoria di Celestino
Atto Costitutivo e Statuto dell'Associazione Sportiva Dilettantistica

Atto Costitutivo e Statuto dell'Associazione Sportiva Dilettantistica

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA “LA FATTORIA DI CELESTINO”

Registrato ina data 21 ottobre 2013 all'Agenzia delle Entrate.

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

L’anno 2013 il giorno 16 del mese di ottobre presso la sede dell’associazione si sono riuniti i signori appresso indicati, di cui si da la certezza dell’identità per la conoscenza degli stessi:

  1. omissis
  2. omissis
  3. omissis
  4. omissis

(i soci fondatori sono stati omessi per motivi di privacy.)

 I suddetti convengono e stipulano quanto segue:

Articolo 1 – Costituzione

Tra gli intervenuti viene costituita un’associazione sportiva dilettantistica denominata “La Fattoria di  Celestino” con sede in via Canfiagio 25 61041 Acqualagna (PU).

Articolo 2 – Scopi

La società ha per oggetto l'esercizio, lo sviluppo, la diffusione e l'organizzazione di attività sportive dilettantistiche, la promozione e la conoscenza di tutti gli animali, compresa l’attività di fattoria didattica nonché la promozione e l'organizzazione di gare, tornei, raduni, fiere, manifestazioni di interesse culturale e ogni altra attività sportiva in generale, così come previsto dallo Statuto Allegato.

Articolo 3 – Domicilio

I soci eleggono domicilio presso la sede sociale.

Articolo 4 – Durata

La durata, l’organizzazione e il funzionamento dell’associazione sportiva dilettantistica sono disciplinati dallo statuto che, previa lettura, viene approvato e debitamente sottoscritto dagli intervenuti ed allegato, sotto la lettera “A”, al presente atto, come sua imprescindibile parte integrante.

Articolo 5 – Capitale sociale

Il capitale sociale è illimitato ed è costituito principalmente dalle quote dei soci fondatori e ordinari. I versamenti di quote fatti da altri soci non sono da considerarsi in conto aumento capitale sociale. I presenti dichiarano di essere disposti a sottoscrivere ciascuno una quota di euro 500,00 (diconsi euro cinquecento ), dandosi atto che essi hanno già provveduto a versare il relativo importo nelle casse sociali. Pertanto, il capitale sottoscritto e versato ammonta a euro 2.000,00 (diconsi euro duemila).

Articolo 6 – Consiglio direttivo

A comporre il primo Consiglio direttivo vengono nominati nel numero sancito dallo statuto i signori:

  1. omissi

tutti qui presenti. In quanto previsto dallo stesso statuto sulla nomina delle cariche sociali, viene eletto presidente il signor Rombaldoni Celestino e vicepresidente il signor Rombaldoni Paolo; tesoriere Rombaldoni Francesco e segretario Rombaldoni Enrico

  

Articolo 7 – Esercizi sociali

Gli esercizi sociali si chiudono al 31 dicembre di ogni anno ed il primo al 31 dicembre 2013

Articolo 8 – Quote sociali

Le quote sociali, ed eventualmente le prime rate delle stesse, devono essere versate non oltre il giorno 31 del mese marzo di ogni anno.

Articolo 9 – Spese e tasse

Le spese e tasse del presente atto, inerenti e dipendenti tutte, sono a carico dell’associazione sportiva dilettantistica.

Articolo 10 – Lettura atto

A redazione effettuata, si dà lettura del presente atto a tutti gli intervenuti, i quali espressamente lo dichiarano conforme alla loro volontà e lo sottoscrivono, foglio per foglio.

I soci foindatori

Allegato “A”

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA “La Fattoria di Celestino”

TITOLO I

Costituzione - Oggetto - Durata ed organi

Articolo 1 – Denominazione e sede

È costituita un’associazione sportiva dilettantistica denominata “La Fattoria di Celestino” con sede in via Canfiagio 25 61041 Acqualagna (PU).

Articolo 2 – Oggetto

La società ha per oggetto l'esercizio, lo sviluppo, la diffusione e l'organizzazione di attività sportive dilettantistiche, la promozione e la conoscenza di tutti gli animali, compresa l’attività di fattoria didattica nonché la promozione e l'organizzazione di gare, tornei, raduni, fiere, manifestazioni di interesse culturale e ogni altra attività sportiva in generale, con le finalità e con l'osservanza delle norme e delle direttive delle Federazioni e dei suoi organi cui si affida,  e delle società a cui intende affiliarsi.

Costituiscono, quindi, parte integrante del presente atto costitutivo le norme contenute nei regolamenti federali nella parte relativa all'organizzazione e alla gestione delle società affiliate. La società si impegna, inoltre, a conformarsi alle norme e alle direttive del CONI.

Potrà inoltre organizzare corsi di istruzione tecnica e di coordinamento delle attività istituzionali, aggiornamento e perfezionamento delle attività sportive equestri e di con gli asini, agevolare l’accesso alle attività sportive promosse ai giovani disagiati svolgendo corsi di ippoterapia e onoterapia, esercitare ogni altra attività connessa al Turismo Equestre ed al Trec nei suoi rapporti con l’escursionismo, l’attività del tempo libero all’aperto, la tutela dell’ambiente, il turismo e l’agriturismo, sviluppare la promozione per le attività sportive di cui sopra con palestre, centri sportivi, centri equestri, ecc.. inoltre eserciterà la prevenzione per la tutela della salute degli atleti e la repressione dell'uso di sostanze o di metodi che possano alterare le naturali prestazioni degli atleti nelle attività sportivo - agonistiche. L’associazione potrà somministrare alimenti e bevande ai propri associati e non, nel rispetto delle leggi che regolano tale attività.

La società potrà assumere, direttamente o indirettamente, partecipazioni o interessenze in altre imprese a scopo di stabile investimento e non di collocamento, a condizione che la misura e l'oggetto della partecipazione non modifichino sostanzialmente l'oggetto determinato nell'atto costitutivo.

L'assunzione di partecipazioni comportanti una responsabilità illimitata deve essere sottoposta alla decisione dei soci.

La società potrà altresì porre in essere qualsiasi operazione commerciale, industriale, mobiliare, immobiliare e finanziaria ritenuta necessaria o utile dagli amministratori, purché accessoria e strumentale rispetto al conseguimento dell'oggetto sociale, ivi comprese la prestazione di avalli, fideiussioni e ogni garanzia anche reale.

(le ultime decisioni dovranno prendersi con decisione dei soci che la delibereranno con una maggioranza pari all’80% del capitale sociale sottoscritto e versato)

Costituiscono, quindi, parte integrante del presente atto le norme contenute nei regolamenti federali nella parte relativa all'organizzazione e alla gestione delle società e/o associazioni cui intende affiliarsi . L’associazione si impegna, inoltre, a conformarsi alle norme e alle direttive del CONI.

Articolo 3 – Durata

La durata dell’associazione è illimitata.

Articolo 4 – Organi dell’associazione

Gli organi dell’associazione sono i seguenti:

  1. a) l’assemblea;
  2. b) il presidente;
  3. c) il Consiglio direttivo;
  4. d) il Collegio dei sindaci;
  5. e) il Collegio dei probiviri.

TITOLO II

Soci

Articolo 5 – Requisiti

Possono fare parte dell’associazione le persone fisiche che siano interessate all’attività dell’associazione.

Nell’associazione gli associati si distinguono in:

  1. fondatori;
  2. ordinari;
  3. atleti e tecnici.
  4. benemeriti;
  5. onorari.
  6. sostenitori
  • fondatori: sono quei soci che hanno partecipato all’atto costitutivo dell’associazione oppure sono stati ammessi con tale qualifica entro un anno dalla sua costituzione.
  • ordinari: sono coloro che aderiscono all’associazione in un momento successivo alla sua costituzione e provvedono al pagamento dei contributi associativi nella misura ordinaria fissata annualmente dal Consiglio direttivo;
  • atleti e tecnici sono coloro che svolgono attività sportiva per e nell’associazione l’associazione.
  • associati benemeriti sono coloro che, al fine di fornire un più solido sostegno all’associazione, s’impegnano a pagare una quota associativa annuale d’importo maggiorato.
  • associati onorari sono coloro che sono nominati a tale ruolo dal Consiglio direttivo in considerazione di particolari benemerenze, venendo, quindi, dispensati dal pagamento della quota associativa.
  • sostenitori sono coloro i quali, per puro spirito di supporto all’attività sportiva svolta dall’associazione e di adesione ai suoi scopi istituzionali, versano spontaneamente una quota, stabilita dal Consiglio direttivo, a favore dell’associazione.

Articolo 6 – Iscrizione

Chi intende divenire socio dell’associazione deve presentare al Consiglio direttivo domanda firmata d’ammissione. La presentazione della domanda presuppone la conoscenza e l’accettazione del presente statuto.

Articolo 7 – Doveri del socio

Il socio è tenuto:

  1. a) a corrispondere la quota d’iscrizione annuale il cui importo ed i cui termini di versamento sono fissati annualmente dal Consiglio direttivo;
  2. b) all’osservanza del presente statuto, dei regolamenti interni e delle deliberazioni legalmente adottate dagli organi dell’associazione.

Articolo 8 – Diritti del socio

Tutti i soci maggiorenni hanno diritto a partecipare alla gestione dell’associazione attraverso l’esercizio del diritto di voto in assemblea, per l’approvazione e le modifiche al presente statuto, ad eventuali regolamenti integrativi e per la nomina degli organi direttivi.

Articolo 9 – Recesso del socio

Il socio può recedere dall’associazione dandone comunicazione al Consiglio direttivo almeno 60 (sessanta) giorni prima della scadenza del termine per il pagamento della quota annuale.

Articolo 10 – Esclusione del socio

L’esclusione dall’associazione è pronunziata dal Collegio dei probiviri contro il socio:

  1. a) che pur dopo formale sollecitazione o diffida si renda moroso nel versamento delle quote associative o nell’adempimento delle obbligazioni di cui alla lettera b) del precedente art. 7;
  2. b) che in qualunque modo arrechi un danno materiale o morale all’associazione, o compia atti contrari alle finalità della stessa.

L’esclusione potrà essere pronunciata solo avverso un socio che abbia precedentemente ricevuto dal Collegio dei probiviri stesso un’ammonizione.

TITOLO III

L’assemblea

Articolo 11 – Composizione

L’assemblea, ordinaria e straordinaria, è l’organo deliberativo dell’associazione. Hanno diritto a prendervi parte tutti i soci aventi diritto al voto ed in regola con il pagamento della quota annuale (esclusi i soci onorari, atleti e tecnici, soci benemeriti). Hanno diritto di voto in assemblea solo i soci maggiorenni. I soci possono anche farsi rappresentare mediante delega da altri soci, esclusi i membri del Consiglio direttivo, salvo nei casi di approvazione di bilancio e deliberazioni in merito alla responsabilità dei consiglieri. Ogni socio può rappresentare, con delega scritta, solo un altro socio. È preclusa la presenza in assemblea a chiunque risulti colpito da provvedimenti disciplinari irrogati dal Collegio dei probiviri in corso d’esecuzione.

Articolo 12 – Competenze dell’assemblea ordinaria

L’assemblea ordinaria delibera:

  1. a) l’approvazione annuale del bilancio di previsione e del conto consuntivo dell’associazione;
  2. b) l’elezione di tutti gli organi istituzionali dell’associazione;
  3. c) sugli altri argomenti posti all’ordine del giorno.

Articolo 13 – Competenze dell’assemblea straordinaria

L’assemblea straordinaria:

  1. a) elegge, con votazioni separate e successive nelle ipotesi previste dal presente statuto di vacanze verificatesi prima della fine quadriennale del mandato, il presidente, l’intero Consiglio direttivo, ovvero singoli membri di esso o del Collegio dei sindaci venuti a mancare per qualsivoglia motivo;
  2. b) delibera sulle proposte di modifica del presente statuto da sottoporre per l’approvazione al Consiglio federale della Federazione cricket italiana;
  3. c) delibera sullo scioglimento dell’associazione;
  4. d) delibera sugli altri argomenti posti all’ordine del giorno.

Articolo 14 – Convocazione dell’assemblea

L’assemblea ordinaria è convocata dal presidente dell’associazione su delibera del Consiglio direttivo che ne fissa la data, l’ora, la sede e l’ordine del giorno.

L’assemblea straordinaria può essere convocata:

  1. a) su iniziativa del presidente dell’associazione;
  2. b) su richiesta di almeno la metà più uno di tutti i soci aventi diritto al voto;
  3. c) su richiesta scritta e motivata della metà più uno dei componenti il Consiglio direttivo.

Nelle ipotesi b) e c) il presidente ha l’obbligo di convocare l’assemblea entro e non oltre 30 (trenta) giorni dal ricevimento formale della richiesta. Successivamente, l’assemblea dovrà tenersi entro 60 (giorni) dalla convocazione.

Articolo 15 – Costituzione dell’assemblea

L’assemblea dei soci può essere riunita in sessione ordinaria o in sessione straordinaria.

In sessione ordinaria o straordinaria, l’assemblea, elettiva e non elettiva, si considera costituita con l’intervento, diretto o in delega, in prima convocazione, di almeno due terzi degli iscritti e, in seconda, di almeno la metà più uno degli iscritti.

Articolo 16 – Verbalizzazione dell’assemblea

L’assemblea, all’inizio di ogni sessione, elegge tra i soci presenti un presidente ed un segretario. Il segretario provvede a redigere i verbali delle deliberazioni dell’assemblea. I verbali devono essere sottoscritti al termine dell’assemblea dal presidente dell’assemblea e dal segretario.

Articolo 17 – Delibere assembleari

L’assemblea ordinaria e straordinaria delibera a maggioranza dei due terzi del capitale sociale dei soci presenti o rappresentati, fuorché per il caso di scioglimento dell’associazione in cui è richiesta una maggioranza di quattro quinti del capitale sociale degli aventi diritto al voto.

TITOLO IV

Cariche sociali

Articolo 18 – Elezione delle cariche sociali

L’assemblea dei soci elegge, con votazione successiva e separata:

  1. a) il presidente dell’associazione;
  2. b) il Consiglio direttivo;
  3. c) il Collegio dei sindaci;
  4. d) il Collegio dei probiviri.

Articolo 19 – Il presidente dell’associazione

Il presidente ha la rappresentanza legale dell’associazione di fronte ai terzi, a qualsiasi autorità giudiziaria ed amministrativa.

Il presidente, previa autorizzazione del Consiglio direttivo, può delegare i propri poteri, in toto o solo in parte, al vicepresidente nonché conferire sia a soci che a terzi procure speciali per determinati atti o categorie di atti.

In caso di assenza o temporaneo impedimento del presidente, le sue mansioni vengono temporaneamente assunte dal vicepresidente.

Articolo 20 – Il Consiglio direttivo

Il Consiglio direttivo è formato da un numero di consiglieri eletto dall’assemblea dei soci.

Il Consiglio direttivo elegge nel suo seno il vicepresidente, il tesoriere ed il segretario dell’associazione.

La durata del Consiglio direttivo è di 5 (anni cinque).

Il Consiglio direttivo è riconfermabile nella carica.

In caso di dimissioni, decadenza, non accettazione della carica, impedimento definitivo o altro motivo di cessazione dalla carica di consigliere in numero tale da non dare luogo a decadenza dell’intero Consiglio direttivo, e cioè in numero inferiore alla metà più uno dei consiglieri, si procede all’integrazione del Consiglio direttivo chiamando a far parte dello stesso i membri che nell’ultima elezione risultino i primi dei non eletti, purché abbiano riportato almeno la metà dei voti dell’ultimo risultato eletto.

Nel caso non sia possibile procedere al sistema di integrazione del Consiglio direttivo di cui al comma precedente, si procederà a nuove elezioni alla prima assemblea utile. Qualora l’assemblea utile sia stata celebrata di recente e sia compromessa la funzionalità del Consiglio direttivo, dovrà essere indetta entro 60 (sessanta) giorni e tenuta nei successivi 30 (trenta) giorni l’assemblea straordinaria per le elezioni integrative.

I consiglieri svolgono la loro attività a titolo gratuito.

Articolo 21 – Il vicepresidente dell’associazione

Il vicepresidente svolge le mansioni del presidente in caso di assenza o temporaneo impedimento di quest’ultimo.

Articolo 22 – Il segretario

Il segretario dà esecuzione alle deliberazioni del Consiglio direttivo, redige i verbali delle riunioni, provvede al normale andamento dell’associazione e dirige l’amministrazione sociale.

Articolo 23 – Il tesoriere

Il tesoriere sovrintende alla contabilità, s’incarica della riscossione delle entrate e della tenuta dei libri, provvede alla conservazione delle attività sociali ed alle spese da pagarsi su mandato del presidente o di chi ne fa le veci.

Articolo 24 – Competenza e convocazione del Consiglio direttivo

Al Consiglio direttivo competono l’amministrazione e l’organizzazione interna dell’associazione.

Ogni anno il Consiglio direttivo stabilisce l’ammontare delle quote associative ed il loro termine di pagamento da versarsi annualmente entro il 31 marzo o, in caso, di adesione successiva, entro 30 (trenta) giorni dalla data di accettazione della domanda di ammissione.

Il Consiglio direttivo si riunisce almeno quattro volte l’anno ed ogniqualvolta si debba deliberare su una questione inerente alla gestione sociale su iniziativa del presidente o di almeno due terzi dei consiglieri.

Il Consiglio direttivo funge anche da organo di secondo grado di giustizia avverso le decisioni prese dal Collegio dei probiviri.

Articolo 25 – Delibere del Consiglio e verbalizzazioni

Le deliberazioni del Consiglio direttivo avvengono a maggioranza semplice dei presenti, non essendo valida la delega in sede di Consiglio direttivo.

In caso di parità di voti, prevale il voto di chi presiede la riunione.

Le sedute del Consiglio direttivo sono valide in presenza di almeno la metà più uno dei consiglieri.

Delle riunioni del Consiglio direttivo deve essere redatto un apposito verbale a cura di un segretario verbalizzante nominato di volta in volta dal presidente. Il verbale dovrà essere sottoscritto al termine della riunione dal segretario verbalizzante e dal presidente.

Articolo 26 – Il Collegio dei sindaci

Il Collegio dei sindaci è l’organo di controllo amministrativo dell’associazione, composto da almeno due membri effettivi e un supplente eletti dall’assemblea.

Il Collegio dei sindaci dura in carica cinque anni.

Il Collegio dei sindaci si riunisce almeno due volte l’anno e tutte le volte che lo ritiene opportuno e deve assistere alle riunioni del Consiglio direttivo.

Per l’eventuale integrazione del Collegio dei sindaci vale quanto stabilito all’art. 20 del presente statuto relativamente al Consiglio direttivo.

Articolo 27 – Il Collegio dei probiviri

Il Collegio dei probiviri è l’organo di giustizia di primo grado dell’associazione, composto da almeno due membri effettivi e un supplente eletti dall’assemblea o nominati dal Consiglio direttivo.

Il Collegio dei probiviri dura in carica cinque anni.

Il Collegio dei probiviri si riunisce tutte le volte che lo ritiene opportuno in relazione a quanto stabilito all’art. 10 del presente statuto e per tutti gli altri motivi collegati al concorde andamento dell’associazione.

Per l’eventuale integrazione del Collegio dei sindaci vale quanto stabilito all’art. 20 del presente statuto relativamente al Consiglio direttivo (se eletto) oppure (se nominato) provvede il Consiglio direttivo.

TITOLO V

Patrimonio - Esercizio sociale - Bilancio

Articolo 28 – Patrimonio

Il patrimonio dell’associazione è costituito:

  1. a) dal fondo iniziale versato in parte uguale dai soci fondatori;
  2. b) da beni di qualsiasi genere che diverranno proprietà dell’associazione;
  3. c) da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio.

Le entrate dell’associazione sono costituite da:

  1. a) quote sociali;
  2. b) ogni altra entrata che concorra ad incrementare l’attivo sociale;
  3. c) eventuali donazioni, erogazioni e lasciti.

Articolo 29 – Esercizio sociale

L’esercizio sociale coincide con l’anno solare e si chiude ogni anno al 31 (trentuno) dicembre. Alla fine dell’esercizio il Consiglio direttivo provvede alla stesura del bilancio consuntivo.

Articolo 30 – Bilancio

Entro tre mesi dalla chiusura dell’esercizio, il Consiglio direttivo deve convocare l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio preventivo e consuntivo.

TITOLO VI

Scioglimento - Disposizioni generali

Articolo 31 – Scioglimento dell’associazione

Per dare luogo allo scioglimento dell’associazione, necessita un’assemblea straordinaria con la presenza di almeno quattro quinti del capitale sociale dei soci aventi diritto al voto sia in prima che in seconda convocazione.

Lo scioglimento deve essere approvato con una maggioranza di almeno quattro quinti del capitale sociale dei soci aventi diritto al voto. Con la stessa maggioranza verranno nominati i liquidatori, determinandone i poteri, e verrà stabilita la destinazione del patrimonio sociale residuo.

Articolo 32 – Regolamento

Il Consiglio direttivo ha la facoltà di emettere un regolamento, ovvero più regolamenti per singoli settori di attività.

Articolo 33 – Rinvio

Per tutto quanto non stabilito dal presente statuto, valgono le disposizioni del codice civile.

Super User
About the Author:
Consectetur adipiscing elit. Morbi facilisis, arcu eget gravida feugiat nulla nisl ut lor a eros phasellus ut nisl aliquet, eleifend ante quis, cursus elit, сurabitur pulvinar, dolor ac vel euismod condimentum, tortor dolor suscipit est, ut interdum augue leo ut dolor nulla libero tellus, bibendum nec neque vel ullamcorper bibendum lectus maecenas.

Website: cththemes.com Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.